Skip to content Skip to navigation

Sicurezza e più servizi: la SISSA torna in presenza a settembre

31 Luglio 2020
Da settembre, didattica parzialmente online e parzialmente in sede

Il ritorno in aula in autunno per la SISSA dopo l'emergenza Coronavirus punta a tutela della salute e maggiore assistenza.
Il piano di rientro prevede al primo posto la ripresa dell'attività didattica, in parte in presenza, in parte online, con l'istallazione di telecamere, nuove attrezzature per la registrazione delle lezioni e il potenziamento delle dotazioni informatiche e del collegamento in rete. Continuerà l'offerta di seminari online, imposti dall'emergenza ma dalle ampie potenzialità anche in periodi ordinari. Verrà poi ampliato l'utilizzo delle facilities con orari di utilizzo più flessibili e verranno definiti spazi di discussione ben aerati o all'aperto, in aggiunta e meglio attrezzati rispetto a quelli già esistenti. Nuove corse di autobus renderanno più efficiente i trasporti dal centro città verso il campus di via Bonomea e di via Beirut.

Particolare attenzione sarà riservata agli allievi e alle allieve del primo anno di dottorato. Se un rapporto costante e diretto tra supervisor e giovani dottorandi e dottorande è una cifra caratteristica della Sissa, lo è ancora di più per coloro che si affacciano per la prima volta al mondo della ricerca.
Per non limitare la costruzione di un legame così significativo messo a rischio dall'epidemia di Covid, la SISSA farà tutti gli sforzi possibili per assicurare una stretta collaborazione da parte dei docenti con studenti e studentesse. A partire dall'esame di ammissione che, come la discussione delle tesi,  compatibilmente con l'evoluzione del quadro epidemiologico, sarà in presenza.

La sicurezza nell'edificio sarà assicurata da distanziamento, misurazione della temperatura in ingresso e uso delle mascherine per tutti coloro che manifestino la volontà di stare nell'istituto. I laboratori saranno costantemente sanificati e le persone al loro interno verranno dotati dei dispositivi di protezione individuale necessari per la salvaguardia dei rischi per la salute. Riorganizzati in piena sicurezza anche i servizi di biblioteca, del bar e della mensa.

Un punto cruciale infine  per un ente internazionale come la SISSA è assicurare un flusso costante di scienziati e scienziate da tutto il mondo nonostante i limiti imposti dall'epidemia di Covid. Per questo verranno potenziati i servizi per i visitatori stranieri agevolando il più possibile il loro arrivo a Trieste e offrendo loro un contributo economico per l'assistenza sanitaria.