The large-scale stability of chromosomes

Even with “mixed fibres” chromatin does not change its 3D structure

A new study led by the International School for Advanced Studies (SISSA) of Trieste and published in PLOS Computational Biology adds detail to the theoretical models used in chromatin simulations and demonstrates that even when made up of a mixture of fibres with different properties chromatin does not alter its three-dimensional structure above a certain spatial resolution. This finding points to a need to improve on current techniques for experimental observation, which are characterized by a resolution that is still too low.

DOWNLOAD > Press release


Un nuovo studio coordinato dalla Scuola Internazionale Superiore di Studi Avanzati (SISSA) di Trieste pubblicato su PLOS Computational Biology aggiunge dettagli ai modelli teorici usati nelle simulazioni della cromatina e dimostra che anche un cromosoma formato da un miscuglio di fibre di diverse strutture resta stabile nella sua struttura tridimensionale sopra una certa risoluzione spaziale. Questa indicazione mostra la necessità di migliorare le tecniche attuali per l’osservazione sperimentale, caratterizzate da una risoluzione ancora troppo bassa.

DOWNLOAD > Comunicato stampa

SISSA

Newsletter

Please click here if you want to subscribe to our newsletter