Skip to content Skip to navigation

Wiley and CRUI sign four-year transitional agreement to accelerate open access publishing in Italy

01 Marzo 2021

John Wiley & Sons, Inc. ha annunciato un nuovo accordo quadriennale di open access con la Conferenza dei Rettori Universitari Italiani (CRUI) per accelerare l'open access publishing per oltre 65 università in tutta Italia.

L'accordo di lettura e pubblicazione consente ai membri della CRUI l'accesso alle riviste in abbonamento di Wiley e concede ai ricercatori delle istituzioni italiane partecipanti la possibilità di pubblicare articoli accettati in open access nelle riviste ibride di Wiley con una fee annuale. La struttura di questo accordo permette uno spostamento progressivo verso l'editoria Open Access. A partire da quest'anno, migliaia di articoli pubblicati dai ricercatori italiani su riviste Wiley saranno resi accessibili.

"L'accesso aperto rimane un'importante priorità per la comunità globale della ricerca. Siamo lieti di lavorare con la CRUI per realizzare questo accordo che soddisfa direttamente le esigenze delle loro principali università, ricercatori e studenti in tutta Italia", ha detto Judy Verses, Executive Vice President, Wiley Research. "Questo accordo pluriennale rafforza l'impegno di Wiley per le offerte open access."

Accelerando la pubblicazione di articoli a libero accesso in Italia attraverso questo accordo, i ricercatori di università di ogni dimensione e di un'ampia varietà di settori saranno in grado di pubblicare in accesso aperto sulle riviste di Wiley senza costi diretti.

"La CRUI si è impegnata a promuovere l'accesso aperto dal 2004 e dal 2019 ha iniziato a firmare accordi con editori internazionali per trasformare i contratti di sola lettura in quelli di 'lettura e pubblicazione'" spiega Stefano Ruffo, direttore della SISSA e della Commissione CRUI per il Coordinamento Biblioteche. "Ecco perché la nostra collaborazione con Wiley rappresenta un passo avanti così importante. Essere in grado di pubblicare senza costi diretti fornisce ai nostri ricercatori uno strumento sostanziale per condividere i loro risultati e contribuire al progresso della conoscenza."