Skip to content Skip to navigation

Tre appuntamenti dedicati al rapporto tra arte e scienza

Ogni giovedì dal 21 giugno nell'anfiteatro all'aperto della Scuola

Proseguono le celebrazioni dei 40 anni della SISSA con una nuova edizione del SISSA Summer Festival. Dal 21 giugno al 5 luglio, con cadenza settimanale, l’anfiteatro all’aperto della Scuola si animerà con concerti e rappresentazioni teatrali dedicati al rapporto tra arte e scienza. Ad aprire il programma, giovedì 21, il concerto corale del Sedicetto del PoliEtnico, il coro del Politecnico di Torino, con “Forma, metro, misura. Melodie tra canto e scienza”. Si proseguirà poi con due spettacoli teatrali dedicati a due grandi premi Nobel. Giovedì 28 in scena lo spettacolo “Il Fuoco del Radio. Dialoghi con Madame Curie“ prodotto da La Contrada-Teatro Stabile di Trieste, con Ariella Reggio. Chiuderà la manifestazione, giovedì 5 luglio, “La conquista della felicità. Dialogo tra Bertrand Russell e Cassiopea”, una produzione di Trento Spettacoli.

Gli eventi sono gratuiti e aperti a tutti. In caso di maltempo si svolgeranno in Aula Magna “Paolo Budinich”.

 

21 giugno, ore 19.30
Concerto corale “Forma, metro, misura. Melodie tra canto e scienza”

Con il Sedicetto del PoliEtnico, coro del Politecnico di Torino. Diretto da Giorgio Guiot.

Il gruppo da Camera del Coro PoliEtnico di Torino presenta il suo programma di brani polifonici passeggiando tra la Storia della Musica, l’analisi di più forme e alcuni esempi di simmetrie e corrispondenze. Il percorso si snoda tra brani di tradizione colta, melodie popolari da tutto il mondo e alcuni esempi di musica contemporanea che presentano particolarità formali, alternando momenti seri a momenti più scherzosi.

28 giugno, ore 21.00
Spettacolo teatrale “Il Fuoco del Radio. Dialoghi con Madame Curie”

Una produzione de La Contrada-Teatro Stabile di Trieste
Con Ariella Reggio, Enza De Rose, Francesco Godina e Elke Burul. Regia di Elke Burul. Tratto dal testo di Luisa Crismani e Simona Cerrato.

In scena la storia della scienziata polacca due volte Premio Nobel che, con i suoi studi sulla radioattività, ha spalancato le porte della ricerca scientifica al genere femminile e che ha significato molto nella storia universale della scienza. Sul palco la sua passione, la sua ragione di vita, un’avventura dalla quale con sacrificio e dedizione emergeranno verità nascoste, orizzonti sconosciuti che alimenteranno il progresso del futuro bene comune.

5 luglio, ore 21.00
Spettacolo teatrale  “La conquista delle felicità. Dialogo tra Bertrand Russel e Cassiopea”

Una produzione di Trento Spettacoli
Con Stefano Pietro Detassis. Drammaturgia e regia di Maura Pettorruso.

Bertrand Russell, filosofo, matematico, attivista, pacifista, giunge agli ultimi istanti della sua vita. 98 anni pieni di lotte, di fallimenti, di amori, coronati dal Premio Nobel per Letteratura. In quel breve istante fra gli ultimi momenti di vita e il mistero della morte, Bertrand si appresta a percorrere l'ultimo frammento di tempo. Abito elegante, sguardo stupito, fragile e potente, sale su una zolla di terra e inizia il suo viaggio, ultimo viaggio, alla ricerca del mistero della vita. La zattera si muove nell'universo infinito e Russell rivive la sua esistenza, in un dialogo immaginario e profondo con Cassiopea, la costellazione della dea africana.

Programma