Skip to content Skip to navigation

Superavvolgimi! L’arte della manutenzione del DNA annodato

Un nuovo studio della SISSA è stato appena pubblicato su Nuclei Acids Research

Anche la cellula ha i suoi nodi da sciogliere. Sono quelli che si formano accidentalmente nel DNA, un problema non da poco che potrebbe comprometterne l’attività e che per questo va risolto. È una nuova ricerca della SISSA a suggerire come una inaspettata soluzione dinamica a questo problema sia fornita da un’altra caratteristica della doppia elica del DNA, quella di essere avvolta su se stessa, proprio come i cavi delle cornette telefoniche. Questi riccioli o superavvolgimenti di DNA mantengono i nodi “fermi così” per tempi abbastanza lunghi da consentire l’azione ottimale degli enzimi incaricati di snodare la molecola. Lo studio, che è stato compiuto sul DNA dei batteri grazie ad accurate simulazioni al computer, è stata appena pubblicato sulla rivista "Nucleic Acids Research".