Skip to content Skip to navigation

Stress, ansia, insonnia. Un’indagine della SISSA racconta la pandemia dei sanitari

12 Luglio 2021
Solo il 4% dei medici e il 3% delle altre professioni sanitarie hanno usufruito dei servizi di sostegno

Il 67% dei medici e il 61% delle altre professioni sanitarie che hanno affrontato l’emergenza COVID-19 hanno fatto esperienza di stress psicologico. Ad accompagnarli in questo difficilissimo percorso sono stati sentimenti di ostilità, frustrazione e impotenza, assieme a sintomi psicofisici quali depressione, ansia e insonnia. È quanto emerge da un’indagine effettuata dalle ricercatrici della SISSA Elisabetta Pisanu (dottoranda) e Ester Biecher (tirocinante) con la collaborazione di Annalisa Di Benedetto e Maria Rita Infurna (ora funzionarie ANVUR) e coordinata dalla professoressa Raffaella Ida Rumiati della SISSA, i cui dati sono stati resi noti in un report appena pubblicato. Eppure, sottolineano le autrici nel documento, solo il 4% dei medici e il 3% delle altre professioni sanitarie ha richiesto e usufruito dei servizi di supporto piscologico approntati per dare loro supporto nell’emergenza. “Un dato che non può non colpire” dichiarano le ricercatrici “e che ci deve far riflettere su ciò che potrà essere fatto in futuro per garantire una maggiore partecipazione e una maggiore tutela della saluta psicologica dei sanitari”.

Leggi il report (in italiano)

Comunicato stampa