Skip to content Skip to navigation

Nicoletta Krachmalnicoff eletta nel Theory & Analysis Committee del Simons Observatory

11 Ottobre 2021

La ricercatrice e cosmologa SISSA Nicoletta Krachmalnicoff è eletta nel Theory and Analysis Commitee, il più alto consiglio della collaborazione relativa al Simons Observatory, dedicato alla gestione e alla preparazione dei dati.

La costruzione del Simons Observatory sarà completata in Cile nel 2022, e alla fine dello stesso anno inizierà la raccolta dei dati. Parte di una collaborazione internazionale che include i maggiori centri di analisi e laboratori sperimentali negli USA e in EU, lo scopo ultimo del nuovo osservatorio, già finanziato per oltre 40 milioni di dollari, è quello di osservare le onde gravitazionali originate dal Big Bang. Un vero e proprio megaprogetto scientifico, finanziato per oltre 40 milioni di dollari. Alla SISSA era già stato affidata la leadership di uno dei gruppi di lavoro più importanti, il Foregrounds Analysis Working Group, già gestito nel biennio passato da Nicoletta Krachmalnicoff, e per cui è stata riconfermata per un altro biennio. A questo si aggiunge ora un ruolo di grandissimo prestigio ma anche di grande responsabilità, visto che la ricercatrice è l’unica rappresentante dell’Unione Europea tra i membri del comitato.

" Tra le numerose sfide che riguardano l'analisi dei segnali cosmici, il Simons Observatory ed il tentativo di giungere, attraverso le sue osservazioni, alla prima misura delle onde gravitazionali generate dal Big Bang svolgono un ruolo di primo piano, con il potenziale di avere impatto eccezionale nelle nostre conoscenze di fisica fondamentale. Sono rimasta sorpresa, e felice, per la mia selezione per questo organo di collaborazione che ha il compito di pianificare, discutere ed attuare il lavoro che congiunge la teoria all'analisi dei dati per SO" ha dichiarato la ricercatrice. " Questo ruolo, che ricoprirò per 2 anni, e' particolarmente importante perchè si sovrappone alla prima presa dati dell'osservatorio, prevista per il 2023. Personalmente questo rappresenta un importante riconoscimento del lavoro svolto nella mia attività di ricerca ma anche una grande responsabilità, per la quale mi impegnerò al massimo, coordinandomi con il gruppo di Astrofisica e Cosmologia alla SISSA, Member Institution del Simons Observatory, e con i colleghi negli altri centri ed istituti nazionali, in Europa e Stati Uniti che, assieme, partecipano a questa sfida scientifica globale. "