Skip to content Skip to navigation

COVID 19: Accesso e attività alla SISSA

07 Ottobre 2020

Ripartono alcune delle attività in sede e una serie di procedure sono state sviluppate per garantire la sicurezza di tutti. Qui sono riassunte attraverso una serie di Frequently Asked Questions.

 

Perseguendo nella policy di sicurezza per la gestione della Fase 3 e per continuare nell'esigenza di gestire situazioni legate alla sicurezza ma anche quelle legate alla conciliazione vita/lavoro, si rende necessario fornire a tutta la comunità SISSA delle indicazioni per possibili casi legati a situazioni sanitarie connesse anche alla vita famigliare.

Le indicazioni operative, caso per caso, e alcuni recapiti e riferimenti utili, sono disponibili in italiano a questo link:
https://www.sissa.it/it/news/indicazioni-operative-gestione-di-casi-di-focolai-di-covid19

1. Posso accedere alla SISSA? 

A partire dal 29/06 sia il personale della SISSA (professori, ricercatori, assegnisti e personale tecnico e amministrativo) che gli allievi potranno accedere alla SISSA senza una specifica autorizzazione, fatto salvo per i portatori di patologie suscettibili all’infezione da COVID-19, rispettando gli orari di apertura, previo lo svolgimento dell’attività di formazione e la compilazione della dichiarazione personale per il rientro al lavoro.  Si potranno svolgere attività di ricerca individuale, in piccoli gruppi, nei laboratori e tecnico-amministrative.

Se sei portatore di patologie suscettibili all’infezione da COVID-19, ti invitiamo a seguire puntualmente le indicazioni inviate dall’Ufficio Risorse Umane con apposita comunicazione ed a  consultare il personale sanitario di tuo riferimento (Medico di Base, Specialista) ed il Medico Competente della SISSA.

L'ingresso ai collaboratori esterni è consentito previa compilazione del modulo di autodichiarazione e rispetto delle procedure di sicurezza.
Nota bene che all'ingresso in SISSA si dovrà compilare un registro per l'accesso nel quale va indicato il referente SISSA con il quale è stato concordato l'appuntamento.

Una nuova ordinanza firmata il 31 luglio 2020 da Massimiliano Fedriga, presidente della Regione Friuli Venezia Giulia, stabilisce le norme da seguire per i dipendenti di aziende o istituzioni che rientrano o arrivano in regione dall'estero al fine ridurre il rischio di contagio da Coronavirus.
In particolare, l'ingresso in Sissa del personale scientifico o tecnico amministrativo inviato all'estero per esigenze lavorative e successivamente rientrati in regione o di soggetti chiamati dall'estero per essere assunti, o che in ogni caso rientri dall'estero a seguito di viaggi privati, è possibile solo dopo che essi abbiano adempiuto alle misure precauzionali previste da leggi, provvedimenti e protocolli vigenti.

Informazioni dettagliate, anche in relazione ai singoli paesi di provenienza, sono disponibili sul sito web del Ministero della Salute.

Coloro che rientrano dalla Francia, Spagna, Croazia, Malta, Romania o Bulgaria devono, appena entrati in Italia, mettersi in contatto con il Dipartimento per la Sorveglianza attiva dell'ASUGI (tel.040 3997490 -3997492 mail profilassi.dip@asugi.sanita.fvg.it)"> profilassi.dip@asugi.sanita.fvg.it) poiché, come previsto dal DPCM 11 giugno 2020, devono essere sottoposti a isolamento volontario per 14 giorni.

L'ordinanza regionale è invece consultabile qui.

Si sottolinea che è necessario, anche per coloro che avessero già in precedenza compilato la dichiarazione per il rientro al lavoro, procedere alla compilazione della nuova dichiarazione aggiornata ai sensi delle disposizioni vigenti, che verrà inviata a breve con apposita comunicazione.

2. Indicazioni operative per la gestione di casi e di focolai di Covid-19 

Perseguendo nella policy di sicurezza per la gestione della Fase 3 e per continuare nell’esigenza di gestire situazioni legate alla sicurezza ma anche quelle legate alla conciliazione vita/lavoro, si rende necessario fornire a tutta la comunità SISSA delle indicazioni per possibili casi legati a situazioni sanitarie connesse anche alla vita famigliare. 

Caso 1:

In caso di febbre pari o superiore a 37.5° e/o presenza di altri sintomi influenzali (mal di gola, tosse, difficoltà respiratoria) o altri sintomi riconducibili al COVID-19 (perdita dell’olfatto e del gusto, diarrea, dolori articolari e muscolari diffusi o altri sintomi) è necessario restare al proprio domicilio e non recarsi al lavoro, contattare il proprio medico curante o gli altri presidi regionali (o il Dipartimento di Prevenzione Territorialmente competente). Tale comportamento va adottato anche in presenza di famigliari conviventi che manifestino i sintomi sopradescritti, evitando quindi l’accesso in SISSA sino alla definizione diagnostica del quadro clinico del congiunto e lavorando da casa in modalità agile. 

Caso 2:

In caso di sintomi da raffreddamento (naso chiuso, starnuti, mal di gola, dolori articolari o muscolari, ecc.), senza febbre o con lieve rialzo febbrile (inferiore a 37,5°) è necessario non recarsi al lavoro in SISSA, contattare subito il proprio medico curante e seguire scrupolosamente le indicazioni che vengono date. Anche nel caso il curante non ritenga necessari specifici accertamenti e cure  e/o non certifichi uno stato di malattia si raccomanda fortemente comunque la permanenza a domicilio sino al miglioramento clinico o per 5-7 giorni avvalendosi del lavoro in modalità agile.

Nel caso di analoghi sintomi dei famigliari conviventi, si raccomanda di attenersi alle indicazioni del medico curante e di valutare, con attenzione e responsabilità, l’opportunità di evitare l’accesso in SISSA, privilegiando sempre, in modo cautelativo e a tutela della collettività SISSA, il lavoro in modalità agile.

Caso 3 a:

Nel caso di congiunti o conviventi posti in quarantena dal Dipartimento di Prevenzione della ASL territorialmente competente, è vietato accedere al lavoro in SISSA ed è possibile svolgere la propria attività lavorativa in modalità agile.

Caso 3 b:

Nel caso di figli, minori o maggiori di anni 14 conviventi, posti in quarantena dal Dipartimento di Prevenzione della ASL territorialmente competente a seguito di contatti verificatisi all’interno del plesso scolastico, è necessario non accedere in SISSA e svolgere la propria attività in modalità agile.

Per quanto riguarda il personale tecnico amministrativo, con una comunicazione successiva, saranno date indicazioni più specifiche anche in termini di congedi previsti dalla normativa.

Caso 4:

Qualora venga segnalata dall’app IMMUNI una notifica di esposizione, il soggetto è tenuto a mettersi in contatto con il Dipartimento di Prevenzione. Anche in questo caso l’accesso in SISSA non è consentito e ci si atterrà scrupolosamente alle indicazioni del Dipartimento di Prevenzione.

Caso 5:

Nel caso di conviventi sottoposti a tampone, nelle more dell’esito del tampone, si raccomanda di astenersi dal venire in SISSA e di preferire la modalità di lavoro agile.

Si raccomanda sempre di mantenere un comportamento prudente nell’attesa di conoscere gli esiti di accertamenti con tampone eseguiti su eventuali contatti indiretti.

Si ritiene utile ricordare che:

qualora un soggetto risulti positivo al Coronavirus, anche se asintomatico o qualora sia in quarantena per contatto stretto con positivo con certificato medico di malattia, su prescrizione del Dipartimento di Prevenzione, l’assenza si configura come malattia e pertanto non solo è vietato l’accesso alla SISSA ma non è possibile svolgere nessuna attività nemmeno in smart-working;

In generale in presenza di qualunque malattia certificata non può essere svolta nessuna attività in modalità agile né di tipo amministrativo né didattico (lezioni on line);

in caso di permanenza a domicilio come misura cautelativa,  in assenza quindi di certificazione di malattia, è consentito lo svolgimento dell’attività lavorativa in modalità agile.

Riteniamo utile inoltre segnalare alcuni Recapiti dei Dipartimenti di Prevenzione, indicati nel sito della Regione FVG,  cui rivolgersi in caso di necessità.

Trieste e provincia:

Recapiti:
Telefono: 040 3997490 / 040 3397492
E-mail: profilassi.dip@asugi.sanita.fvg.it

Gorizia e provincia:

Recapiti:
Telefono: 0481 592836
E-mail: infettive.profilassi@asugi.sanita.fvg.it

Bassa Friulana – Palmanova, Cervignano del Friuli e San Giorgio di Nogaro:

Recapiti: 0432 921835
E-mail:infettive.bassafriulana@asufc.sanita.fvg.it"> infettive.bassafriulana@asufc.sanita.fvg.it
Distretti di Udine, Tarcento e Cividale del Friuli:

Recapiti:
Telefono: 0432 553264 (dal lunedì al venerdì, dalle 8:30 alle 14:00)
E-mail: covid19.prevenzione@asufc.sanita.fvg.it

2. Cosa devo fare per accedere alla SISSA? Chi mi autorizza? 

Ricorda che l’utilizzo degli spazi per lo svolgimento dell’attività di ricerca e di supporto tecnico e amministrativo deve avvenire nel rispetto delle norme di sicurezza (es. distanziamento, uso di DPI, ecc.). Verifica quindi la presenza di altre persone negli uffici condivisi e nei laboratori, prenota le facilities e gli spazi comuni: potrai così svolgere la tua attività in tranquillità e sicurezza.

Ricordati che, per svolgere l’attività di ricerca e lavorativa in SISSA, devi essere in regola con le visite mediche di idoneità; a tal fine, ove necessario, sarai contattato direttamente dal personale incaricato.

3. Come posso raggiungere la SISSA? 

Con un tuo mezzo privato o a piedi

Per quanto possibile l'uso del mezzo privato deve prevedere la sola presenza del conducente; se vuoi portare qualcuno con te, entrambi dovete indossare la mascherina facciale o altri dispositivi di protezione per naso e bocca. Durante l'uso dei mezzi deve essere disposta l'aerazione naturale evitando l'utilizzo di aria condizionata e soprattutto della funzione ricircolo. Questi limiti non valgono se i mezzi sono utilizzati solo da persone conviventi.
Si consiglia di arrivare tra le 08.00 e le 08.30 per non creare assembramenti con chi utilizza la navetta privata SISSA.

Con la navetta SISSA

Se non hai un mezzo di trasporto, o preferisci non usarlo, puoi usufruire del servizio di navetta. La navetta parte dal centro ed è prevista dal lunedì al venerdì, esclusi i giorni festivi infrasettimanali, con i seguenti orari e fermate:

MATTINA:
andata: 8.00 (Largo Barriera) – 8.05 (Piazza Oberdan) – 8.30 (SISSA)
andata: 9.15 (Largo Barriera) - 9:20 (Piazza Oberdan) - 9:45 (SISSA)
 

POMERIGGIO:
Ritorno: 19.00 (SISSA) – 19.25 (Piazza Oberdan) – 19.30 (Largo Barriera)

Per usufruire del servizio navetta è OBBLIGATORIO prenotare. La prenotazione deve essere effettuata entro le ore 8:00 del giovedì della settimana precedente. 

A bordo della navetta vanno sempre indossati i dispositivi di protezione per naso e bocca e garantire il rispetto del distanziamento di un metro.

Vi segnaliamo che lo shuttle ha una capacità limitata per garantire il distanziamento sociale.
Ciascuna fila di sedili può essere occupata da un solo passeggero, con l'eccezione dei coniugi e dei familiari conviventi. In questo caso vi facciamo presente che è sufficiente prenotare un solo posto.

Il numero verde da contattare in caso di necessità per la navetta città-SISSA: tel. 040 7795959

A questo servizio si aggiungono i servizi pubblici con l’autobus numero 38 e 64 che scenderà in SISSA appena terminati i lavori di ampliamento del piazzale

 

4. Cosa succede al mio arrivo in SISSA? 

La SISSA è aperta dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 19 e, il sabato, dalle 8 alle 13. 
A partire dal 14/09, non ci sono più fasce orarie stringenti da rispettare per la misurazione della temperatura. Resta necessario firmare al primo ingresso e al momento di lasciare la SISSA. 
L'accesso alla SISSA continua ad essere obbligatoriamente dall'ingresso principale al piano zero. 

Vi ricordiamo anche la necessità di compilare/aggiornare sempre la dichiarazione di rientro al lavoro: oltre alla versione inviatavi via e-mail, copie cartacee sono disponibili all'ingresso .

5. Come mi devo comportare all’interno della SISSA? 

Per ciascuna delle aree frequentate è definito il numero massimo di persone che possono essere presenti, in base alla disponibilità di dispositivi di prevenzione del contagio, allo spazio disponibile, al tempo di permanenza ed alla attività svolta.

Per evitare il cosiddetto «contatto stretto» è necessario garantire una bassa densità di persone ed il rispetto di una distanza interpersonale minima di: 1 metro in aree di transito (corridoio); 2 metri in aree di sosta "critiche" (area pausa, zona fumatori, ecc.) e, salvo indicazioni specifiche, negli spazi ad uso comune (compresi gli uffici con più postazioni). Si definisce "stretto" un contatto che avviene in un ambiente chiuso (es. ufficio) continuativamente per 15 minuti o più con distanza inferiore a 2 m.

Quindi:

1) la capienza degli uffici comuni è stata definita sulla base della distanza tra le sedute delle postazioni: se hai dei dubbi o hai delle idee per migliorare l’uso degli spazi segnalalo al tuo coordinatore di Area. Qui alcuni esempi

2) le persone che non usano continuativamente la stanza (ad esempio chi deve effettuare solamente un incontro) sono ammesse nella stanza, nel rispetto del distanziamento previsto.

Mascherine, distanze e misure igieniche

Mantieni la distanza di sicurezza. Nei corridoi, sulle scale, nei servizi igienici e in tutti gli spazi comuni indossa sempre la mascherina chirurgica fornita all’ingresso o quella in tuo possesso, se ritenuta idonea dal personale all’ingresso. Riduci gli spostamenti all’interno dell’edificio a quelli davvero necessari per la tua attività. Lavati le mani di frequente con acqua e sapone e con i detergenti appositi collocati ad ogni piano della Scuola. Dispositivi di protezione individuale specifici (FFP2, FFP3) guanti e cuffie per capelli devono essere usati solo da chi svolge particolari mansioni (reception, front-office, operatori nei laboratori, ecc.).

Se mantieni una distanza di sicurezza maggiore di 2 metri nello svolgimento della tua attività (es. ufficio con postazioni bene distanziate) puoi non indossare la mascherina; tienila però sempre a portata di mano perché la dovrai indossare per ogni spostamento!

Pulizia della postazione di lavoro

All’inizio e alla fine della tua presenza/turno, disinfetta la postazione con il prodotto per le superfici a disposizione ad ogni piano. Fai particolare attenzione a pulire bene telefono, mouse, tastiera e dispositivi touch-screen. Lo stesso prodotto può essere usato su altre superfici come la scrivania e la sedia.

Aerazione dei locali

Per gli impianti di ventilazione sono state adottate una serie di misure di funzionamento e manutenzione volte a ridurre al minimo i rischi di trasmissione dell’infezione. Approfitta però, ove possibile, dell’areazione naturale.

Il protocollo anti-contagio integrale è disponibile qui. 

6.  Quale deve essere il mio stato di salute al momento dell’accesso in SISSA? 

Per accedere in sede:

  • non devi essere stato/a sottoposto/a alla misura della quarantena, ovvero essere risultato positivo/a al COVID-19 o, in caso positivo, devi aver effettuato due tamponi diagnostici negativi per SARS-COVID.
  • non devi aver avuto contatti con familiari, conviventi o amici, positivi al COVID-19: non puoi entrare o rimanere in SISSA in caso di contatto con persone positive al virus nei 14 giorni precedenti all’ingresso.

Inoltre:

  • devi rimanere al tuo domicilio e non devi recarti al lavoro in caso di febbre superiore a 37.5° e/o presenza di sintomi simil influenzali (febbre, mal di gola, tosse, difficoltà respiratoria) o altri sintomi riconducibili al COVID-19 (perdita dell’olfatto e del gusto, diarrea, dolori articolari e muscolari diffusi o altri sintomi); in tal caso devi contattare il medico curante e/o gli altri presidi sanitari regionali; in tal senso devi poter dichiarare di non presentare i sintomi prima riportati;
  • devi conoscere e rispettare le norme date sul distanziamento sociale, sul lavaggio delle mani, sull’uso corretto delle mascherine, sulla disinfezione degli ambienti;
  • non puoi permanere in SISSA e lo devi comunicare tempestivamente qualora, anche successivamente all’ingresso, sussistano condizioni di potenziale pericolo (febbre e/o sintomi simil influenzali o altri sintomi sopra richiamati); in tal caso devi rimanere ad adeguata distanza dalle persone presenti, rientrare al domicilio e contattare il medico curante.

7. Le lezioni sono in presenza o online?

A partire da lunedì 5 ottobre l’attività didattica si svolge in sede alla SISSA. Tutte le aule sono state attrezzate per garantire la massima sicurezza per docenti e studenti in presenza ma confidiamo nel contributo di tutte e tutti per rispettare le norme di sicurezza previste, quali il distanziamento, l’gienizzazione delle mani e l’uso della mascherina. Per coloro i quali non potranno seguire le lezioni in aula, sarà in ogni caso garantita la possibilità di seguire le lezioni on line.

8. Come si svolgono i progress report?

La Scuola vuole incoraggiare i talk in presenza. Per questa ragione i progress report si svolgeranno alla SISSA benché soltanto i docenti e lo studente o studentessa potranno essere presenti nella stanza. Coloro che vorranno seguire le presentazioni potranno farlo online su Zoom o Teams. 

9. Ospiti esterni sono ammessi alle discussioni delle tesi di PhD?

La discussione della tesi è un momento unico che conclude 4 anni di studi alla SISSA. Ospiti esterni che vogliono assistere la discussione sono benvenuti ma con importanti restrizioni. Per ragioni di sicuressa, sono ammessi ad assistere in persona non più di 3/4 ospiti per candidato/a. Il loro numero totale deve essere stabilito sulla base del volume della stanza ma in ogni caso non potrà essere superiore a 16 per sessione. Un "Safety Angel" esterno sarà incaricato di guidare gli ospiti e verificare il rispetto delle procedure di sicurezza.

10. Sono attivi i servizi di ristorazione? 

Il Bar è aperto dalle 9.00 alle 15.00.  Al Bar può accedere un numero limitato di persone alla volta.

 

A partire da mercoledì 7 ottobre la mensa è di nuovo funzionale. 

Per garantire il distanziamento e le corrette procedure di igienizzazione degli spazi, il numero dei pasti che verranno serviti al self-service sarà, momentaneamente, limitato a circa il 75% dei pasti medi serviti nel periodo, anche in considerazione della minore presenza in sede di una buona parte degli studenti di laurea magistrale e del master in comunicazione della scienza.

Le modalità di fruizione del self-service saranno le seguenti:

orario di apertura 11.45 - 14.30;

obbligo di prenotazione il giorno stesso al link https://services.sissa.it/mensa/ dell'orario e del posto a sedere in cui verrà consumato il pasto. Il sistema invierà una mail con cui andrà necessariamente confermata la prenotazione e una mail riepilogativa che andrà esibita in cassa;

il ritiro dei pasti da asporto avverrà nella zona self-service e non più al bar;

Fino al termine dell'emergenza COVID non sarà possibile consumare sui tavoli della mensa il pasto take-away o personale. Verranno attivate delle soluzioni, nei limiti degli spazi disponibili, per adibire a breve dei luoghi/zone dedicati allo scopo.

Inoltre si comunica che da ora è possibile monitorare, nel rispetto della privacy, la fila al bar al link https://services.sissa.it/cam/lunch/

si chiede massima collaborazione per garantire la sicurezza di tutti/e noi, pertanto si ricorda di rispettare scrupolosamente poche semplici regole, senza le quali non sarebbe possibile fornire il servizio di ristorazione:

-igienizzare le mani
-rispettare l'orario e il posto assegnati al self-service
-rispettare la distanza interpersonale in fila e durante il consumo dei pasti/bevande
-indossare sempre la mascherina (tranne che per consumare il pasto)
-fermarsi solamente il tempo necessario per il consumo e/o ritiro della merce

11. Alcuni documenti utili

DOCUMENTO PER L’AVVIO, LA GESTIONE, IL MONITORAGGIO DELLA RIPRESA DELL’ATTIVITA’ PRESSO LA SEDE DI VIA BONOMEA

LINEE GUIDA RELATIVI A EROGAZIONE ATTIVITA’ DIDATTICA, DISCUSSIONE DELLA TESI, ESAMI DI PASSAGGIO D’ANNO