Skip to content Skip to navigation

Informazioni e policy SISSA sul Coronavirus 

28 Febbraio 2020

Informazioni e policy SISSA sul Coronavirus 

Ultimo aggiornamento: 4/03 ore 15:00

Per garantire una comunicazione trasparente, puntuale, efficiente e aggregata, la Task force SISSA sul coronavirus ha costruito questa pagina per aggregare le informazioni sulle normative, sulle procedure e sulla policy SISSA su tema COVID-19.

Vista la complessità della situazione da affrontare, che non ha precedenti per il nostro istituto, per l'intero Paese e a livello globale, vi chiediamo innanzitutto comprensione e aiuto. Il quadro delle norme e delle disposizioni su COVID-19, infatti, è in continua evoluzione. Ci impegneremo al massimo per fornire le risposte più adeguate ai vostri dubbi tenendo conto che ci muoviamo in una situazione con un alto grado di incertezza.

PROCEDURE PER LE MISSIONI

PARTENZE:

  1. Sono annullate tutte le missioni sul territorio nazionale. L'autorizzazione di nuove missioni è sospesa.

La SISSA rimborserà le spese già sostenute alla data del 24/02/2020 che non siano in qualche modo recuperabili dal vettore aereo, ferroviario o servizio alberghiero. La SISSA non si farà carico di oneri per missioni programmate (procedura avviata) successivamente al 27/02/2019 e successivamente non effettuate.

Informazioni aggiornate sulle misure preventive sono disponibili sul sito del Ministero degli Esteri Viaggiare Sicuri.
 

RIENTRI:

  1. Per chi rientra da Cina e sue amministrazioni, Hong Kong, Taiwan, Giappone, Corea del Sud, Singapore, Malesia, Tailandia, Iran e dalla zone rosse italiane: è previsto, in accordo con le disposizioni nazionali, l’obbligo da parte della persona che rientra della comunicazione alle autorità sanitarie competenti e della permanenza domiciliare fiduciaria con sorveglianza attiva da parte dell’autorità sanitaria per 14 giorni. In aggiunta, è previsto il divieto di accesso alla SISSA. L’autorizzazione al rientro è stabilita dall’autorità sanitaria locale.
  2. Per chi rientra da altre destinazioni: è prevista la compilazione obbligatoria del questionario predisposto di autovalutazione e monitoraggio del rischio dalla SISSA. Ci si deve poi attenere attenere ai comportamenti indicati dall'esito del questionario: non si è autorizzati al rientro in SISSA in assenza di compilazione del questionario.

[torna all'indice]

PROCEDURE SUI VIAGGI PERSONALI

RIENTRI:

  1. Per chi rientra da Cina e sue amministrazioni, Hong Kong, Taiwan, Giappone, Corea del Sud, Singapore, Malesia, Tailandia, Iran e dalla zone rosse italiane: è previsto, in accordo con le disposizioni nazionali, l’obbligo da parte della persona che rientra della comunicazione alle autorità sanitarie competenti e della permanenza domiciliare fiduciaria con sorveglianza attiva da parte dell’autorità sanitaria per 14 giorni. In aggiunta, è previsto il divieto di accesso alla SISSA. L’autorizzazione al rientro è stabilita dall’autorità sanitaria locale;
  2. Per chi rientra da altre destinazioni: è prevista la compilazione obbligatoria del questionario di autovalutazione e monitoraggio del rischio predisposto dalla SISSA. Ci si deve poi attenere attenere ai comportamenti indicati dall'esito del questionario: non si è autorizzati al rientro in SISSA in assenza di compilazione del questionario.

[torna all'indice]

PROCEDURE PER GLI OSPITI

  1. Sono annullati tutti gli inviti agli ospiti.

Alla luce delle restrizioni che alcuni paesi impongono a chi proviene dall’Italia (quindi per non creare disagi all’ospite al rientro nel paese di provenienza), si consiglia di valutare l’effettiva necessità dell’invito e soprattutto le disposizioni vigenti nel luogo di rientro dell’ospite. Gli inviti descritti al punto 2, ove non intervengano diverse comunicazioni o disposizioni, saranno autorizzati, ma la SISSA non si farà carico di oneri per inviti programmati (procedura avviata) dopo il 27/02/2020 e che successivamente non abbiano avuto seguito.

[torna all'indice]

PROCEDURE PER I FORNITORI

  1. I fornitori che prestano attività presso la sede dovranno attenersi alle disposizioni previste dalle norme nazionali e regionali vigenti per la SISSA e alle disposizioni definite dalla SISSA per il suo personale (docenti, PTA, assegnisti) per gli allievi, per i suoi collaboratori e per i suoi ospiti
  2. È l'vietato l’ingresso a personale non autorizzato dalla Direzione (es. rappresentanti, ecc.)

[torna all'indice]

LA VITA IN SISSA

  • La Sissa, nel rispetto del punto 6 del provvedimento che riguarda le disposizioni per tutte le pubbliche amministrazioni, comprese università e centri di ricerca, assicurerà modalità di funzionamento tese esclusivamente ad assicurare lo svolgimento in sede di attività indifferibili e a demandare all'organizzazione del lavoro a distanza e in modalità agile tutte le altre.

    In generale l'accesso alla Scuola è fortemente limitato e ci duole sottolineare che sono sospese tutte le attività di ricerca che richiedono la presenza di persone alla Sissa.

  • Anche le attività del personale tecnico, amministrativo e bibliotecario, saranno svolte nelle modalità smart working, come previsto dal decreto, salvo i casi concordati che per esigenze indifferibili richiedono la presenza in sede, come ad esempio il servizio di sicurezza. I dettagli operativi sono stati forniti con una circolare interna. 

  • Se presenti febbre, tosse o difficoltà respiratorie e sospetti di essere stato in stretto contatto con una persona affetta da malattia respiratoria Covid-19, rimani in casa, non recarti al pronto soccorso o presso gli studi medici ma chiama al telefono il tuo medico di famiglia, il tuo pediatra o la guardia medica. Oppure chiama il numero verde regionale:  800 500 300. Utilizza i numeri di emergenza 112/118 soltanto se strettamente necessario.

  • Il numero verde 800 614 302 è disponibile 24 su 24 per tutti i servizi sanitari non urgenti.

[torna all'indice]

QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE E MONITORAGGIO DEL RISCHIO

Il questionario di autovalutazione e monitoraggio del rischio sarà inviato a ciascun membro della comunità SISSA via email. 

Nell’ambito delle politiche finalizzate alla prevenzione del rischio da Coronavirus, è indispensabile che le persone mettano in atto i comportamenti corretti, previsti dalle direttive nazionali e regionali, oltre che dalle relative disposizioni previste dalla SISSA.

A tal fine è stato predisposto un questionario di autovalutazione e monitoraggio del rischio, che consente ad ogni membro della comunità SISSA, rispondendo a 4 semplici domande, di valutare la propria situazione di rischio e mettere in atto i corretti comportamenti. A fronte delle singole risposte il questionario fornirà indicazioni di comportamento coerenti con le disposizioni delle autorità nazionali e regionali.

La compilazione del questionario è obbligatoria prima dell’accesso alla Scuola. Andrà poi ricompilato solo al verificarsi di cambiamenti del contesto personale al momento delle risposte. Si può chiedere l’invio di un nuovo questionario all’indirizzo: questionario.coronavirus@sissa.it

Ti ricordiamo che è sempre necessario attenersi scrupolosamente alle disposizioni Nazionali ed ordinanze Regionali in materia di Coronavirus.

1) Per quanto riguarda i LAVORATORI DIPENDENTI (DOCENTI, ASSEGNISTI, PTA, ECC.) /ASSIMILATI (BORSISTI, DOTTORANDI, TIROCINANTI, ECC.) SISSA (ai sensi del D.Lgs.81/08):
La richiesta di generazione / rigenerazione del questionario può essere inoltrata a questionario.coronavirus@sissa.it indicando:
1) Nome
2) Cognome
3) Indirizzo email
4) Indicazione che trattasi di lavoratore dipendente/assimilato SISSA
In casi del tutto eccezionali, il questionario è qui disponibile nella versione pdf da compilare (Oppure qui in inglese)ed inviare a questionario.coronavirus@sissa.it

1) Per quanto riguarda gli OSPITI OCCASIONALI:
La richiesta di generazione / rigenerazione del questionario può essere inoltrata a questionario.coronavirus@sissa.it indicando:
1) Nome
2) Cognome
3) Indirizzo email
4) Indicazione che trattasi di ospite occasionale
Il questionario è inoltre qui disponibile nella versione pdf (qui in inglese) da stampare e consegnare alla reception al momento del proprio ingresso alla SISSA.

In entrambi i casi le richieste verranno garantite negli orari 8.00-16.00.

[torna all'indice]

Mobilità e autocertificazione

Il decreto del Primo Ministro del 9 marzo estende le misure urgenti per contenere l'infezione da Coronavirus in tutto il territorio nazionale. Per queste disposizioni, è possibile lasciare la casa solo per esigenze di lavoro comprovate, motivi di salute e bisogni.
Gli spostamenti sono limitati non solo da un comune all'altro, ma anche all'interno di ciascun centro, grande o piccolo.

Per giustificare i tuoi movimenti, devi utilizzare un modulo di autocertificazione per compilare e portare con te. Vi sono solo quattro possibili giustificazioni: comprovate esigenze lavorative, situazioni di necessità (ad esempio l'acquisto di cibo o medicine), assoluta urgenza o motivi di salute.
Se vieni fermato per controlli, devi presentare il modulo alla polizia che verificherà successivamente le dichiarazioni rilasciate. In caso di dichiarazioni false, sono previste sanzioni.

Se non hai il modulo con te, al controllo verrà data una copia da compilare al momento. Una versione del modulo con gli aiuti alla redazione, specialmente per gli studenti stranieri, è disponibile in allegato.

Il modulo di autocertificazione, è disponibile in italiano in PDF qui, o in docx con istruzioni per la compilazione in inglese qui

Misure igienico-sanitarie:

  • a) lavarsi spesso le mani. Si raccomanda di mettere a disposizione in tutti i locali pubblici, palestre, supermercati, farmacie e altri luoghi di aggregazione, soluzioni idroalcoliche per il lavaggio delle mani;
  • b) evitare il contatto ravvicinato con persone che soffrono di infezioni respiratorie acute;
  • c) evitare abbracci e strette di mano;
  • d) mantenimento, nei contatti sociali, di una distanza interpersonale di almeno un metro;
  • e) igiene respiratoria (starnutire e/o tossire in un fazzoletto evitando il contatto delle mani con le secrezioni respiratorie);
  • f) evitare l'uso promiscuo di bottiglie e bicchieri, in particolare durante l'attivita' sportiva;
  • g) non toccarsi occhi, naso e bocca con le mani;
  • h) coprirsi bocca e naso se si starnutisce o tossisce;
  • i) non prendere farmaci antivirali e antibiotici, a meno che siano prescritti dal medico;
  • l) pulire le superfici con disinfettanti a base di cloro o alcol;
  • m) usare la mascherina solo se si sospetta di essere malati o se si presta assistenza a persone malate.

Se presenti febbre, tosse o difficoltà respiratorie e sospetti di essere stato in stretto contatto con una persona affetta da malattia respiratoria Covid-19:

rimani in casa, non recarti al pronto soccorso o presso gli studi medici ma chiama al telefono il tuo medico di famiglia, il tuo pediatra o la guardia medica. Oppure chiama il numero verde regionale:  800 500 300. Utilizza i numeri di emergenza 112/118 soltanto se strettamente necessario.

La nuova ordinanza firmata il 3 Aprile 2020 dal presidente della Regione FVG Massimiliano Fedriga, rende obbligatorio, all’interno degli esercizi commerciali di generi alimentari, l’utilizzo di guanti monouso e di mascherine o comunque una protezione a copertura di naso e bocca. Si ribadisce la necessità di osservare strettamente tutte le indicazioni fornite dalle autorità sanitarie e in particolare di mantenere la distanza interpersonale di sicurezza di almeno un metro e di fare uso di ogni altra precauzione finalizzata ad evitare il contagio, raccomandando l’uso della mascherina o comunque di una protezione a copertura di naso e bocca, ogni qualvolta si esce dalla propria abitazione. Queste misure dell'ordinanza n.7 si aggiungono ed estendono le ordinanze della precedenza ordinanza n.4 . Ricordiamo che le strategie di contanimento includono la chiusura di tutti i negozi e le attività la domenica (escluse farmacie parafarmacie ed edicole) e proibiscono le passeggiate, il jogging, le attività fisiche all'aperta e gli assembramenti. Le nuove misure saranno valide da Sabato 4 Aprile al 13 Aprile 2020. L'ordinanza completa è disponibile qui

Clicca per ingrandire i poster

 

Dieci Comportamenti da Seguire

How to wash your hand

 

(Clicca per ingrandire)

Altre indicazioni utili dall'Istituto Superiore di Sanità:

  • Restare senza cibo: non è necessario fare scorte di generi alimentari. Gli esercizi commerciali, nelle zone che attualmente non sono sede di focolai epidemici, restano aperti e garantiscono il rifornimento di tutti i prodotti, non soltanto quelli di prima necessità.
  • Rimanere senza prodotti per l’igiene delle mani: anche se, a causa della paura generata dal contagio, le farmacie e altri punti vendita possono rimanere sprovvisti di gel o soluzioni per l’igiene delle mani, va ricordato che il lavaggio con acqua e sapone, se ben effettuato, garantisce una perfetta igiene anche nei confronti del virus SARS -CoV-2. Qualora voleste approfittare della comodità di un gel o di una soluzione per l’igiene delle mani a base idroalcolica da portare con voi e da usare in qualunque situazione, segnaliamo che questi prodotti possono essere preparati anche da alcune farmacie come prodotti galenici provvisti di apposita etichetta. Suggeriamo di scegliere quelli con una percentuale di alcol pari ad almeno il 60%. (Porre tuttavia attenzione nella preparazione dei disinfettanti – Vedi scheda sul sito ISS).
  • Essere contagiati dagli animali da compagnia: sebbene si possa ipotizzare che il SARS -CoV-2 sia originato da un serbatoio animale, il contagio della malattia da coronavirus (COVID-19) è interumano. E’ comunque una buona regola igienica, per proteggersi da altri patogeni più comuni, lavarsi le mani con acqua e sapone dopo avere accudito gli animali.
  • Se presenti febbre, tosse o difficoltà respiratorie e sospetti di essere stato in stretto contatto con una persona affetta da malattia respiratoria Covid-19:

    rimani in casa, non recarti al pronto soccorso o presso gli studi medici ma chiama al telefono il tuo medico di famiglia, il tuo pediatra o la guardia medica. Oppure chiama il numero verde regionale:  800 500 300. Utilizza i numeri di emergenza 112/118 soltanto se strettamente necessario.

[torna all'indice]

 

Ulteriori informazioni per Categorie a Rischio

•    Informazione specifica alle Lavoratrici in servizio in stato di gravidanza (ai sensi della tutela della lavoratrice Madre)
La situazione attuale in Friuli-Venezia Giulia e in SISSA richiede di attivare misure per prevenire una diffusione del contagio in FVG. Al momento non vi è nessun elemento orientativo di un potenziale rischio biologico da Coronavirus in SISSA. Per questo non vi sono elementi per prevedere una esonero/allontanamento dal lavoro per la donna in gravidanza, per rischio biologico.
Inoltre non vi sono al momento una informazione di letteratura che indichi l’incidenza del virus sul feto (fonte “The Lancet”).

Per misura precauzionale si ritiene opportuno suggerire alle donne in gravidanza, di consultare lo specialista ginecologo per un parere sanitario circa un eventuale opportunità, in base al decorso della gestazione, di astenersi dal lavoro ossia dal frequentare aree che determinano la presenza di una maggiore concentrazione di persone e quindi un potenziale maggior rischio infettivo respiratorio che non può al momento escludere il Coronavirus. 

COVID-19: gravidanza, parto e allattamento 

Epicentro/Istituto Superiore della Sanità pubblica regolarmente nuovi aggiornamenti sui risultati nazionali e internazionali che riguardano gravidanza, parto e allattamento in presenza di Sars-CoV-2. L'aggiornamento più recente è della settimana del 2 Marzo - 26 Aprile, ed è disponibile integralmente qui. 

•    Informazione per i lavoratori portatori di malattie croniche

Per i lavoratori portatori di patologie croniche che possono alterare lo stato immunitario (patologie oncologiche ad esempio) e/o che assumono farmaci in grado di ridurre le difese immunitarie si suggerisce, oltre ad una  puntuale osservanza delle norme igieniche raccomandate, di consultare lo specialista che li segue o il loro medico curante, per avere indicazioni circa la opportunità di astenersi dal lavoro ossia dal frequentare aree che determinano la presenza di una maggiore concentrazione di persone e quindi un potenziale maggior rischio respiratorio che non può escludere al momento il Coronavirus. Si consiglia a tali lavoratori di contattare il Medico Competente al fine di una valutazione congiunta tra specialista e Medico Competente.

[torna all'indice]

Altri riferimenti utili: 

Se, dopo l'attenta lettura della pagina, dovessero permanere dubbi e domande potete scrivere a pressoffice@sissa.it che smisterà gli interrogativi alle persone o agli uffici competenti.

FAQ del Ministero della Salute sul nuovo Coronavirus

Il sito informativo del Ministero della Salute sul nuovo Coronavirus

Disposizioni attuative del decreto-legge 25 marzo 2020, n. 19, recante misure urgenti per fronteggiare l'emergenza epidemiologica da COVID-19, applicabili sull'intero territorio nazionale. (20A01976) (GU Serie Generale n.88 del 02-04-2020)

Ordinanza contingibile e urgente n. 3/PC - REGIONE AUTUNOMA FRIULI VENEZIA GIULIA - 19 marzo 2020 - Misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID2019.

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 11 marzo 2020 - Ulteriori disposizioni attuative del decreto-legge 23 febbraio 2020, n. 6, recante misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell'emergenza epidemiologica da COVID-19, applicabili sull'intero territorio nazionale.

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 9 marzo 2020 - Ulteriori disposizioni attuative del decreto-legge 23 febbraio 2020, n. 6, recante misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell'emergenza epidemiologica da COVID-19, applicabili sull'intero territorio nazionale.

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 8 marzo 2020 - Ulteriori disposizioni attuative del decreto-legge 23 febbraio 2020, n. 6, recante misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell'emergenza epidemiologica da COVID-19. (20A01522) (GU Serie Generale n.59 del 08-03-2020)

Mobilità da e verso le cosiddette zone a contenimento rinforzato

Decreto della Presidenza del Consiglio dei Ministri 4 Marzo 2020 - Misure per il contrasto e il contenimento sull'intero territorio nazionale del diffondersi del virus COVID-19

Ordinanza contingibile e urgente n. 1/PC del Presidente della Regione Autonoma Friuli Venezia di data 1 marzo 2020.

DPCM 01 marzo 2020 - Ulteriori disposizioni attuative del decreto-legge 23 febbraio 2020, n. 6, recante misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell'emergenza epidemiologica da COVID-19. 

Ordinanza Regionale FVG sulle misure di contenimento per il Coronavirus (23 Febbraio 2020)

Decreto Legge n. 6 23 Febbraio - Misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell'emergenza epidemiologica da COVID-19. (20G00020)

Ulteriori disposizioni attuative del decreto-legge 23 febbraio 2020, n. 6, recante misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell'emergenza epidemiologica da COVID-19. 

La task-force SISSA sul Coronavirus è composta dai seguenti membri:

  • Stefano Ruffo (Direttore)
  • Gabriele Rizzetto (Segretario Generale)
  • Tullio Bigiarini (Servizio Prevenzione e Protezione)
  • Isabella Brumati (Segreteria di Direzione)
  • Antonio Fiorito, (Medico Competente)
  • Erica Maran, (Servizi alla Ricerca e Didattica)
  • Nico Pitrelli (Unità Relazioni coi Media e Comunicazione)
  • Valeria Mirabella (Rappresentante Sindacati Uniti)
  • Federica Tuniz (Segreteria Scientifica)
  • Andrea Tomicich (Rappresentante dei lavoratori)
  • Alessandra Lucatello (Ufficio Risorse Umane)
  • Osvaldo Basilio Artimagnella (Rappresentante degli allievi)

[torna all'indice]