Filosofia del rischio

Date: 

7 April, 2016
La scienza pensata

C’è qualcosa, nei rischi di oggi, che giustifica la “cultura della paura” dominante o è una reazione eccessiva? Forse ci sembrano più gravi perché non sono “naturali”, ma frutto dell’azione umana. Se la razionalità è indifferente alla natura dei rischi, non lo è la nostra psicologia, che distingue rischi volontari e involontari, reversibili e irreversibili, naturali e tecnologici. Simona Morini dell'Università IUAV di Venezia, nell'incontro ha analizzato le conseguenze di questa spaccatura tra razionalità e senso comune e la validità degli strumenti con cui affrontiamo i problemi della nuova “società del rischio”.

Locandina

Vai al video