Young, thin and hyperactive galaxies

A new model explains the exceptions to the galaxy main sequence

The more massive, or full of stars, a galaxy is, the faster the stars in it are formed. This seems to be the general rule, which is contradicted, however, by some abnormal cases, for example thin (not massive) galaxies that are hyperactive in their star formation. Until now the phenomenon had been explained by catastrophic external events like galaxies colliding and merging, but a new theory offers an alternative explanation, related to an in situ (internal) process of galaxy evolution. The new theory correctly reproduces the behaviour of both normal and abnormal (or outlier) galaxies, and may be further tested by new observations. A study conducted by the International School for Advanced Studies (SISSA) in Trieste, already posted on the astro.ph archive, is soon to be published in The Astrophysical Journal.

DOWNLOAD > Press release


Più una galassia è massiccia, cioè ricca di stelle, più la formazione stellare al suo interno è rapida. Questa sembra essere la regola generale, violata però da alcuni casi anomali, per esempio galassie snelle (poco massicce) ma iperattive in formazione stellare. Finora il fenomeno era stato spiegato invocando eventi esterni e catastrofici come lo scontro e la fusione con un’altra galassia; una nuova teoria offre una spiegazione alternativa,  legata a processi  in situ (interni) di evoluzione galattica. Questa nuova teoria, riproduce correttamente sia il comportamento delle galassie normali che i casi anomali (outliers),  e potrà essere ulteriormente messa alla prova con nuove osservazioni. Lo studio condotto alla Scuola Internazionale Superiore di Studi Avanzati (SISSA) di Trieste, già disponibile sull’archivio di astro.ph, sarà presto pubblicato su The Astrophysical Journal.

DOWNLOAD > Comunicato stampa

SISSA

Newsletter

Please click here if you want to subscribe to our newsletter