Skip to content Skip to navigation

Ricordando Boltzmann

Il fisico Immanuel Bloch alla SISSA martedì 20 febbraio

20 febbario 2018, ore 11
SISSA, aula 128-129

Il gruppo di fisica statistica della SISSA inaugura la prossima settimana la prima Boltzmann Lecture, un evento dedicato al grande fisico viennese nella ricorrenza della sua nascita. A dare il via a questa iniziativa un ospite di eccezione, Immanuel Bloch, direttore generale e scientifico del Max Planck Institute of Quantum Optics di Garching con il seminario dal titolo “Using Ultracold Quantum Gases to Probe New and Old Frontiers of Statistical Physics”.

Nato a Vienna il 20 febbraio 1844 e scomparso a Duino il 5 settembre 1906, Ludwig Eduard Boltzmann è considerato il padre fondatore della fisica statistica. A lui si deve la definizione delle leggi probabilistiche che regolano i sistemi macroscopici e che hanno portato alla comprensione del concetto di entropia e dello scorrere irreversibile del tempo. Le Boltzmann Lecture sono un’iniziativa promossa dal gruppo di fisica statistica della SISSA di Trieste e, in particolare, dal coordinatore Pasquale Calabrese e da Giuseppe Mussardo, autore del docufilm “Ludwig Boltzmann: il genio del disordine” (2006).

Martedì 20 febbraio alle 11 nell’aula 128-129, si inizia con il fisico Immanuel Bloch che affronta una delle questioni fondamentali in fisica statistica, cioè come sia possibile conciliare, per sistemi macroscopici, le leggi della meccanica quantistica, che predicono che si mantenga memoria dello stato iniziale del sistema, con i familiari fenomeni di termalizzazione, in cui lo stato finale del sistema ha invece perso completamente memoria dello stato iniziale. Bloch ha svolto alcuni esperimenti fondamentali in questo ambito e, nella sua lezione, presenterà alcuni recenti risultati ottenuti su sistemi quantistici di atomi freddi composti da fermioni, da cui ha origine un fenomeno noto come Many Body Localization Transition. Racconterà inoltre come sia possibile riprodurre in laboratorio sistemi quantistici a temperature negative.

Immanuel Bloch è direttore generale e scientifico del Max Planck Institute of Quantum Optics, Garching, Germania. Ha conseguito il dottorato nel 2000 con Theodor W. Hänsch (Premio Nobel in Fisica nel 2005) all’Università Ludwig-Maximilians di Monaco dove è diventato professore ordinario a solo 31 anni. Per i suoi lavori sperimentali, Bloch ha ricevuto numerosi premi e riconoscimenti, tra cui lo European Physical Society Prize for Fundamental Aspects of Quantum Electronics and Optics nel 2011, il Körber European Science Prize nel 2013 e, nel 2015, l’Harvey Prize del Technion Institute di Israele.

Immagine: Giuseppe Mussardo